News

Il mantello arlecchino

arlecchino-bd9255bdIl mantello arlecchino, uno dei più scenografici dell’alano, è dovuto alla presenza del gene  Merle e di quello H (harlequin), caratteristica che accomuna il colosso tedesco e poche altre razze. Questa caratteristica è presente anche in altre razze , dal Pastore della Beauce al Pastore dei Pirenei, dal Dunker al Bassotto. Il mantello arlecchino è dovuto alla presenza del gene Merle che altera la pigmentazione scura determinando il tipico disegno marmorizzato.  Il colore arlecchino è dato da una depigmentazione parziale della melanina. L’effetto produce mantelli grigiastri con macchie più scure di colore variabile a seconda della base su cui agisce.

Nell’Alano è però presente anche un gene H che fa sì che il mantello abbia fondo bianco con macchie nere. Il Pastore della Beauce è molto più comune nella versione nero-focata, l’arlecchino è decisamente meno frequente e si presenta macchiato di grigio e di nero distribuiti in ugual misura, con focature disposte come nel bicolore. Nel Pastore dei Pirenei la presenza del gene Merle determina un mantello blu screziato di nero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *